Comune di Rosello

IL TERRITORIO

Il fantastico catalogo sul territorio racchiude tutti i monumenti, le aree verdi ed ogni informazione degna di nota sul nostro territorio.

 

IL COMUNE

Nell'area del Comune di Rosello troverai informazioni circa amministrazione, statuti, atti, delibere, modulistica, bandi e concorsi.

LE NOTIZIE

Il Comune di Rosello informa i suoi cittadini attraverso la sezione notizie. Scopri ciò che accade nel tuo territorio.

Martedì 26 Luglio 2016 20:36

LA RISERVA REGIONALE

Scritto da  Comune di Rosello
Valuta questo articolo
(0 voti)

Abetina-di-rosello-3

L'Abetina di Rosello, istituita con Legge Regionale nel 1997, è situata nel medio corso del Fiume Sangro, al confine tra Abruzzo e Molise in un comprensorio montano con alti valori ambientali e caratterizzato dalla presenza di pochi piccoli centri senza insediamenti sparsi.

La Riserva è estesa per 211 h e comprende il bosco di proprietà comunale (Abetina di Rosello) che costituisce uno degli ultimi nuclei forestali con abete bianco. L'altitudine varia tra gli 850 e i 1179 m. del Monte Castellano. Il sito è interamente attraversato dal suggetstivo Torrente Turcano, affluente del Fiume Sangro. Il territorio è quasi interamente ricoperto di bosco e solo nelle aree marginali si trovano pascoli cespugliati in cui la vegetazione sta riprendendo il sopravvento per il diminuito carico di bestiame domestico.

A monte il confine dell'Abetina è determinato dal Tratturo secondario che collegava il Monte Secine al Fiume Biferno e confina con la limitrofa Oasi WWF Abetina di Selva Grande.

La caratteristica principale della Riserva Naturale Regionale Abetina di Rosello è insita nel suo stesso nome, infatti in essa cresce con rara abbondanza l'abete bianco, un termpo diffusissiomo sull'intero Appennino Centrale ed oggi localizzato in pochissimi settori di Abruzzo e Molise.

Un'attenta gestione dell'area ha permesso la sopravvivenza di alcuni antichi e maestosi Abeti, osservabili percorrendo l'itinerario "natura" che attraversa il bosco, da Fonte Volpona fino a Colle Tasso, discendendo al Turrente Turcano e tagliando l'Arboreto dell'Abetina; ed è qui che si incontrano gli Abeti più imponenti, attestando la presenza dell'Abete più alto d'Italia e tra i più alti di Europa, misurato 56 metri.

L'Abetina ha il grande vanto di godere di una natura in ottima salute. Poco dopo l'ingresso della Riserva, sul lato sinistro del sentiero sono situate le aree faunistiche, comprendenti un insieme di recinzioni e di voliere di grandi dimensioni, le quali ospitano esemplari di cervi e caprioli oltre a diverse specie di rapaci diurni e notturni. Nella maggiore di queste aree è ormai da anni avviato il Progetto Capriolo, utile per consolidare la piccola popolazione di questo ungulato e per sensibilizzare ed educare i visitatori.

Non  ultimo, è stato molto importante e pionieristico il progetto LIFE di cui la Direzione della Riserva Naturale Regionale Abetina di Rosello è stata promotrice ed attuatrice.

Al momento, presso la sede della Riserva è in allestimento il Museo dell'Abete Bianco, che vede la presenza di diorami di pregevole fattura.

Rosello e l'Abetina sono stati oggetto di numerosissimi articoli e studi scientifici, del 2014 l'approfondimento sulla prestigiosissima rivista di tiratura internazionale, BELL'ITALIA.

rosello
Ultima modifica Domenica 18 Dicembre 2016 09:51